Sei in: Home » Le notizie » Sport: una commissione per decidere sugli scudetti controversi

Sport: una commissione per decidere sugli scudetti controversi

Su impulso di Pasquale Gravina, presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio – FIGC, è stata costituita una Commissione ad hoc composta da studiosi, storici e ricercatori per far luce su alcuni casi controversi del passato che hanno portato alcune società calcistiche italiane alla rivendicazione dello scudetto.

Della super commissione faranno parte 8 membri: Francesco Bonini, rettore dell’Università LUMSA e presidente della Società Italiana di Storia dello Sport - SISS,  Sergio Giuntini, vicepresidente SISS, Daniele Marchesini (Università di Parma), Pierre Lanfranchi, collaboratore FIFA per la storia del calcio, Enrico Landoni (Università eCampus), Eleonora Belloni (Ricercatrice, Università di Siena), Nicola Sbetti (consigliere SISS), Matteo Marani, vicedirettore di Sky Sport e del Museo del Calcio di Firenze, che della Commissione sarà il coordinatore.

In particolare la Commissione sarà chiamata a studiare i casi di due scudetti la cui assegnazione è stata contestata. Si tratta dei Campionati:

  • 1915 - lo Scudetto fu assegnato al Genoa FC, che era prima nel girone Alta Italia alla repentina sospensione delle partite per l’entrata in guerra del Paese, mentre non vennero considerati i diritti della S.S. Lazio, prima nel girone Centro-Sud, che ne rivendica oggi l’assegnazione ex-aequo.
  • 1924-25 – lo Scudetto assegnato al Bologna, viene rivendicato ex-aequo anche dal Genoa F.C. per una serie di irregolarità avvenuta nel corso delle partite della Lega Nord, cui il Genoa e Bologna avevano preso parte. Per il Genoa sarebbe il 10° scudetto, quello che assegna la stella.
  • 1926-1927 – lo Scudetto venne vinto sul campo dal Torino F.C., vincitore del torneo finale disputato con altre 5 squadre. Per un presunto tentativo di corruzione operato da un dirigente granata. La Federazione revocò il titolo vinto e non lo assegnò alla seconda classificata. Il Torino F.C. chiede la riattribuzione dello Scudetto.  
  • 1943-1944 – Il “torneo di guerra” fu vinto il 19 luglio dalla squadra costituita da atleti del 42° Corpo dei Vigili del Fuoco di La Spezia. La squadra spezzina prevalse sul campo nel triangolare finale giocato a Milano conto Venezia e Torino ma la Federazione, con un comunicato del giorno dopo attribuiva alla squadra vincente non lo Scudetto ma una Coppa Federale. Lo Spezia rivendica l’assegnazione del titolo

Ma i casi contestati non finiscono qui. Sul tavolo della Commissione potrebbero finire anche le rivendicazioni dell’Udinese (1896), Pisa (1921), Venezia (1941-1942) e Livorno (1942-1943) e chissà se verrà considerata anche quella dell’A.S. Roma (1980-1981) che contesta l’assegnazione di uno scudetto alla Juventus per un gol in fuorigioco nello scontro diretto mai convalidato…

Vista la storicità delle situazioni è proprio il caso di dire “Ai posteri l’ardua sentenza!”, augurando buon lavoro alla Commissione cui il Rettore Bonini prenderà parte.

Immagine tratta da Wikipedia

Pubblicato il 31/05/19 in : IN EVIDENZA
Corsi di Laurea Master e Post Laurea

Ateneo partner o membro di