Organizzazione e attività didattiche 2021-2022
Sei in: Home » Ricerca » Gruppi di ricerca » Gruppi di ricerca » Gruppo di ricerca su "Intelligenza artificiale e rapporto medico/paziente tra etica e diritto"

Gruppo di ricerca su "Intelligenza artificiale e rapporto medico/paziente tra etica e diritto"

Componenti
Prof.ssa Laura Palazzani – Coordinatore – ordinario di filosofia del diritto, LUMSA
Prof. Fabio Macioce – ordinario di filosofia del diritto, LUMSA
Prof. Roberto Zannotti – associato di diritto penale, LUMSA
Ricercatori: Dott. Margherita Daverio, dott. Giulia Bovassi

Partenariati nazionali e internazionali
- Campus Biomedico, Istituto di tecnologie emergenti (Prof. Marta Bertolaso)
- Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Settore tecnologia e innovazione (Dott. Alberto Tozzi)
- Centro di Biolaw, Università di Trento (Prof. Carlo Casonato)
- Università di Firenze, Cattedra di diritto costituzionale (Prof. Andrea Simoncini)
- Università di Catania, Cattedra di filosofia del diritto (Prof. Salvatore Amato)
- Università Cattolica del S. Cuore, Centro di bioetica di ateneo (Prof. Adriano Pessina)
- Pontificia Accademia per la Vita (Mons. Renzo Pegoraro, Padre Carlo Casalone, Prof. Paolo Benanti)
- Fondazione IBM (Dott. Roberto Villa)
- Università di Bologna e Oxford (Prof. Luciano Floridi)
- Cattedra di diritto costituzionale, Università Comillas, Madrid (Prof. Federico de Montalvo)
- Philosophy of Technology, Università di Delft, Olanda (Prof. Jeroen Van der Hoven)
-
Global Forum on AI, World Bank; Working Group on Law and Technology (WGLT) on IA (referente Prof. Alberto Garcia)
- gruppo Z-Inspection: nel contesto di qualificati esperti internazionali, analisi di ‘case studies’ su etica dell’intelligenza artificiale (referente Prof. Roberto Zicari)

Obiettivi della ricerca
Il gruppo di ricerca intende affrontare il tema della Intelligenza Artificiale in Medicina tra etica e diritto, con un focus sul rapporto medico/paziente. L’attenzione sui più recenti sviluppi della intelligenza artificiale (in particolare machine learning and deep learning) sta facendo emergere molti dibattiti, sia nella letteratura specialistica interdisciplinare che nell’ambito dei Comitati di Bioetica nazionali, europei ed internazionali, sugli aspetti etici e giuridici con riferimento ai cambiamenti nel contesto della relazione terapeutica.

Verrà dedicata particolare attenzione ad alcuni aspetti:

  1. La relazione medico/paziente: la possibile completa "sostituzione" della capacità decisionale umana, ovvero l’"autonomia" di macchine che potrebbero sfuggire al controllo umano in un possibile scenario futuro;
  2. la verifica della esigenza di mantenere il controllo umano significativo del medico per evitare il possibile problema della ‘delega tecnologica’;
  3. la questione del ‘deskilling’, del possibile impoverimento delle capacità e abilità umane nella diagnosi, prognosi, terapia e conseguente deresponsabilizzazione nel rapporto medico/paziente;
  4. l’opacità e possibili bias nella profilazione dei dati raccolti dai pazienti (dati clinici, anagrafici, dati sullo stile di vita raccolti da diverse fonti) classificati in categorie, in gruppi e sottogruppi e gli algoritmi li correlano, classificazioni, profili e raggruppamenti che possono essere discriminatori (per età, gender, etnia);
  5. l’esigenza della ‘spiegabilità’ e trasparenza, nel tracciamento dei passaggi della decisione medica, assistita dalla IA e i limiti della spiegabilità e trasparenza, con le conseguenze per il consenso informato.


Master I Livello

Master I Livello

Master II livello

Master II Livello

Altri Corsi di formazione

Altri Corsi di formazione

Corsi di Laurea Master e Post Laurea

Ateneo partner o membro di