Sei in: Home » Servizi » Percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento » Media e minori. Verso un uso consapevole dei programmi televisivi

Media e minori. Verso un uso consapevole dei programmi televisivi

Area e obiettivi formativi
Sociologico-mediologica - Il progetto si sviluppa in sei incontri con attività teoriche e pratiche presso l’Università LUMSA. L’intervento formativo intende promuovere una maggiore consapevolezza della varietà dell'offerta televisiva, a partire dagli orientamenti espressi dai ragazzi verso i media mainstream e verso la funzione di socializzazione che questi ancora svolgono, pur nello spostamento massiccio della fruizione su piattaforme digitali.
L'obiettivo è anche quello di illustrare i livelli di protezione oggi disponibili rispetto contenuti, linguaggi e programmi televisivi non rispettosi della particolarità del pubblico minorile e comprendere cosa i minori considerano inadeguato e potenzialmente nocivo alla loro formazione personale e alla loro costruzione della realtà (discriminazione e incitamento all’odio, comportamento pericoloso, facilmente imitabile, scene di violenza, sesso ecc.
Interessante sarà inoltre cogliere quali contenuti tematici sono invece considerati capaci di favorire la crescita culturale di adulti e minori e promuovere una fattiva attività di media education.
Si partirà da una riflessione sul rapporto media  e minori, finalizzata a promuovere uno sguardo critico e consapevole verso i contenuti e i linguaggi dell'offerta televisiva che viene veicolata su diverse piattaforme (on line e off line). Il quadro formativo così definito servirà a introdurre il lavoro di monitoraggio che gli studenti stessi effettueranno sulla settimana di programmazione individuata.

Programma dettagliato delle attività
Le attività formative saranno articolate come segue:
- due lezioni frontali in aula che si terranno in apertura e alla chiusura del progetto.
- quattro incontri dedicati al lavoro di gruppo che gli studenti svolgeranno, sempre in aula, sotto la supervisione del tutor.

  • primo incontro - si avvia una riflessione sul rapporto media e minori: si discutono gli standard di qualità individuati dagli osservatori più accreditati e si individuano - attraverso la partecipazione dell'aula - i programmi televisivi più seguiti dai ragazzi, quelli che incontrano il loro gradimento e quelli considerati disdicevoli. Si presenta inoltre il lavoro del Comitato Media e Minori e l'impegno da questo profuso nel garantire il rispetto del codice di autoregolamentazione che le emittenti nazionali hanno sottoscritto, ma anche nel promuovere un'educazione ai media da parte dei diversi pubblici. Questo incontro permetterà di introdurre il ruolo che gli studenti stessi - in qualità di giovani utenti - possono esercitare per rendersi parte attiva in un processo di attenzione e sensibilizzazione verso ciò che può migliorare l'offerta televisiva e ridiscutere i criteri di nocività.
  • quattro incontri successivi -  gli studenti avvieranno - sotto la supervisione dei tutor – l’attività finalizzata a monitorare i programmi individuati e a segnalare - attraverso una scheda predisposta a tal fine - i contenuti, le scene, i linguaggi che a loro avviso non sono adeguati alle diverse fasce del pubblico dei minori e presentano livelli di nocività rispetto ai soggetti in età evolutiva.
  • ultimo incontro - si analizzeranno i risultati del lavoro svolto e si utilizzeranno le segnalazioni prodotte per simulare una seduta plenaria del Comitato Media e Minori. Assegnando agli studenti il ruolo di utenti, si metteranno a confronto le diverse posizioni e si individueranno i casi suscettibili di archiviazione, raccomandazione o avvio di istruttoria. Si utilizzeranno quindi gli strumenti di cui dispone il Comitato, concertando una decisione finale assieme a un rappresentante delle Istituzioni e uno delle Emittenti, così come avviene nelle sedute plenarie del suddetto Comitato.

Destinatari
40-50 studenti di terza o quarta classe delle Scuole superiori.

Avvio a partire da:
Gennaio 2020. Si individueranno giorni e orari, in accordo con la scuola interessata al progetto.
Unico ciclo:
- 2 incontri di lezioni frontali di 4 ore ciascuno (8 ore);
- 4 incontri in aula (lavoro di gruppo di monitoraggio dell'offerta televisiva - 16 ore).

Sedi delle attività
Aule dell’Università LUMSA.

Durata
24 ore d’impegno articolate in 6 incontri.

Referente
Prof.ssa Donatella Pacelli
E-mail: pacelli@lumsa.it

Altri docenti
Proff-tutor: Francesca Ieracitano e Camilla Rumi

Corsi di Laurea Master e Post Laurea

Ateneo partner o membro di