Media e minori. Verso un uso consapevole dei contenuti audiovisivi

Parole chiave: Linguaggi audiovisivi; Media education; Tutela del pubblico minorile; Formazione; Comitato Media e minori

Dipartimento: Scienze Umane

Area disciplinare: sociologica e mediologica

Obiettivi formativi
Il progetto intende promuovere una maggiore consapevolezza della varietà dell’offerta audiovisiva, a partire dagli orientamenti espressi dai ragazzi verso i media mainstream e verso la funzione di socializzazione che questi ancora svolgono, pur nello spostamento massiccio della fruizione su piattaforme digitali. Per il raggiungimento di tali obiettivi verranno illustrati i livelli di protezione oggi disponibili rispetto contenuti, linguaggi e programmi audiovisivi non rispettosi della particolarità del pubblico minorile, alla luce anche delle nuove norme sulla tutela rispetto ai contenuti online (Direttive europee). L’intento è quello di comprendere cosa i minori considerano inadeguato e potenzialmente nocivo alla loro formazione personale e alla loro costruzione della realtà (discriminazione e incitamento all’odio, comportamento pericoloso e facilmente imitabile, contenuti xenofobi e razzisti, video violenti e pornografia, ecc.). Interessante sarà inoltre cogliere quali contenuti tematici sono invece considerati capaci di favorire la crescita culturale di adulti e minori e promuovere una fattiva attività di media education.

Descrizione del progetto
Il progetto si articola in sei incontri in Lumsa, che prevedono attività teoriche e pratiche, a partire da una riflessione sul rapporto media e minori, finalizzata a promuovere uno sguardo critico e consapevole verso i contenuti e i linguaggi dell’offerta che viene veicolata su diverse piattaforme (on line e off line). Ciò servirà a introdurre il lavoro di analisi che gli studenti stessi effettueranno sui casi di programmazione individuati dal tutor.

Attività laboratoriali
Lavoro di gruppo in aula

Numero massimo di studenti destinatari
50 studenti (classi terze e classi quarte)

Durata del progetto e sedi
24 ore totali (8 per le lezioni frontali e 16 i lavori in gruppo). Sede universitaria di Roma (Piazza delle Vaschette 101).

Periodo
Gennaio - febbraio 2021

Programma dettagliato delle attività
Nel primo incontro si avvia una riflessione sul rapporto media e minori: si discutono gli standard di qualità individuati dagli osservatori più accreditati e si individuano - attraverso la partecipazione dell’aula – i programmi televisivi più seguiti dai ragazzi, quelli che incontrano il loro gradimento e quelli considerati disdicevoli. Si presenta inoltre il lavoro del Comitato Media e Minori e l’impegno da questo profuso nel garantire il rispetto del codice di autoregolamentazione che le emittenti nazionali hanno sottoscritto, ma anche nel promuovere un’educazione ai media da parte dei diversi pubblici. Questo incontro permetterà di introdurre il ruolo che gli studenti stessi - in qualità di giovani utenti - possono esercitare per rendersi parte attiva in un processo di attenzione e sensibilizzazione verso ciò che può migliorare l’offerta televisiva e ridiscutere i criteri di nocività.

Nei quattro incontri che seguono, gli studenti avvieranno – sotto la supervisione del tutor – l’attività finalizzata a monitorare i programmi individuati e a segnalare, attraverso una scheda predisposta a tal fine, i contenuti, le scene, i linguaggi che a loro avviso non sono adeguati alle diverse fasce del pubblico dei minori e presentano livelli di nocività rispetto ai soggetti in età evolutiva.

Per ciascuno dei 4 incontri è prevista la presenza di un esperto esterno, professionista del mondo della produzione o rappresentante delle istituzioni preposte al controllo dell’offerta audiovisiva.

Nell’ultimo incontro si analizzeranno i risultati del lavoro svolto e si utilizzeranno le segnalazioni prodotte per simulare una seduta plenaria del Comitato Media e Minori. Assegnando agli studenti il ruolo di utenti, si metteranno a confronto le diverse posizioni e si individueranno i casi suscettibili di archiviazione, raccomandazione o avvio di istruttoria. Si utilizzeranno quindi gli strumenti di cui dispone il Comitato, concertando una decisione finale assieme a un rappresentante delle Istituzioni e uno delle Emittenti, così come avviene nelle sedute plenarie del suddetto Comitato.

Referente: Prof.ssa Donatella Pacelli (pcto@lumsa.it)


Master I Livello

Master I Livello

Altri Corsi di formazione

Altri Corsi di formazione

Corsi di Laurea Master e Post Laurea

Ateneo partner o membro di