Il futuro del lavoro nella Gig Economy: il caso Foodora

Parole chiave: futuro; lavoro; riders; gig-economy; foodora.

Dipartimento: GEPLI – Giurisprudenza, Economia, Politica e Lingue moderne.

Area disciplinare: Diritto del lavoro.

Obiettivi formativi
Il progetto intende fornire ai giovani un primo approccio ai valori costituzionali in materia di tutela del lavoro, ricordare le tappe della storia del lavoro in Italia per poter disegnare le attuali condizioni del mercato del lavoro oggi e le prospettive future. La formazione consentirà allo studente di documentarsi su un caso giudiziario recentissimo attraverso l'iniziale lettura di fonti giornalistiche per poi riuscire a commentare direttamente delle sentenze recenti.

Descrizione
Dopo un'introduzione storico-giuridica sull’evoluzione del lavoro subordinato e della sua regolamentazione in Italia, saranno indicate le prospettive attuali e future del mercato del lavoro dei giovani. Con particolare riferimento al valore della dignità del lavoro, il corso si propone di stimolare gli studenti ad approfondire un recente caso giudiziario, che ha suscitato un ampio dibattito a tutti i livelli. L’analisi si svilupperà partendo da una ricerca di fonti giornalistiche; in una seconda fase avrà luogo l’esame diretto di sentenze (fino a Cass. n. 1663/2020) e di fonti legislative recentissime, sotto la guida di un docente. Agli studenti sarà chiesto di scegliere di assumere le vesti o del datore di lavoro o del lavoratore e di sostenere una delle due tesi difensive in pubblico.

Sede delle attività
Università LUMSA.

Attività laboratoriali
Le attività includono un Laboratorio di informatica per ricerche online e stampa materiale.

Numero massimo studenti destinatari
30 allievi di classi terze, quarte e quinte di scuole superiori.

Durata del progetto
Il progetto è annuale e si sviluppa in 24 ore complessive, di cui 12 in presenza e 12 di attività individuale.

Periodo di svolgimento
Giugno 2021.

Programma dettagliato delle attività
Il progetto è articolato in quattro sessioni.

  • Prima sessione
    un docente esporrà in sintesi i principi costituzionali in materia di tutela del lavoro e riassumerà lo sviluppo del lavoro e del diritto che lo regola, dalla rivoluzione industriale alla cosiddetta GIG economy, soffermandosi sulle prospettive più recenti in tema di lavoro tramite piattaforme digitali.
     
  • Seconda sessione
    un docente esporrà il recente caso dei riders di Foodora, inserendolo in una cornice sistematica ed invitando gli studenti a predisporre una rassegna stampa (attraverso la ricerca di fonti giornalistiche cartacee e on line) di articoli e notizie apparse nell’ultimo anno a proposito della vicenda. Al termine, il docente dividerà gli studenti in due gruppi tra coloro che intendono sostenere le ragioni dell'impresa e gli altri che "difendono" la posizione dei giovanissimi lavoratori che in bicicletta o in motorino consegnano cibo a domicilio.
     
  • Terza sessione
    gli studenti esporranno i risultati della loro ricerca sul campo riferendo le contrapposte tesi. Al termine, il docente consegnerà il testo delle sentenze di merito e di legittimità, fornendo agli studenti alcuni elementi per una comprensione del testo dei provvedimenti giudiziari (dei Tribunali di Milano e Torino e della Corte d’appello di Torino) e delle norme più recenti in tema approvate dal Parlamento italiano
     
  • Quarta sessione
    un dibattito tra i docenti e gli studenti verificherà se la verità giornalistica emersa dagli articoli raccolti corrisponda alla verità processuale risultante dalle sentenze. Gli studenti potranno rivolgere domande di approfondimento o chiarimento ai docenti.

Nel dettaglio, il lavoro sarà suddiviso nelle seguenti fasi:

  • Presso l’Università LUMSA: introduzione e illustrazione del progetto; sintesi delle fonti normative e delle prospettive future del lavoro dei giovani tra precarietà e lavoro su piattaforme digitali e commento su recenti sentenze circa i criteri distintivi tra lavoro autonomo e subordinato
     
  • Presso l’Università LUMSA: illustrazione della giurisprudenza italiana sui riders, in particolare, il caso Foodora, dalla sentenza di primo grado fino alla recentissima Cass. n. 1663/2020; lettura della legislazione italiana e regionale più recente sul lavoro tramite piattaforme digitali e cenni sul processo del lavoro; organizzazione della simulazione processuale mediante divisione degli studenti in alcuni piccoli gruppi, ciascuno dei quali assumerà una delle seguenti “vesti”: Legislatore, giurisprudenza, le imprese, i lavoratori, l’opinione pubblica e le relazioni sindacali e altri Paesi. Agli studenti verrà fornito materiale e saranno indicate le modalità con le quali svolgere la ricerca a casa o a scuola
     
  • lavoro individuale a casa o a scuola degli studenti per lettura/ricerca materiale. L’avv. Marco Isceri sarà reperibile a mezzo e-mail per fornire informazioni e/o chiarimenti, se richiesti
     
  • Presso l’Università LUMSA: verifica dello “stato di avanzamento” del lavoro dei gruppi ed eventuali suggerimenti per completare la ricerca
     
  • lavoro individuale a casa o a scuola degli studenti per lettura/ricerca materiale in cui i sottogruppi potranno provare l’intervento orale che dovranno esporre il giorno successivo e preparare cartelline con il materiale trovato (articoli di giornale, sentenze pubblicate internet, articoli di Dottrina, testi legislativi, etc.
     
  • Presso l’Università LUMSA: esposizione orale dei risultati della propria ricerca, simulando lo svolgimento di un processo. Modererà l’incontro il prof. avv. Iolanda Piccinini.

Referente
prof. Iolanda Piccinini (pcto@lumsa.it)

Altri docenti coinvolti nel progetto: prof. avv. Marco Isceri


Altri Corsi di formazione

Altri Corsi di formazione

Corsi di Laurea Master e Post Laurea

Ateneo partner o membro di