Sei in: Home » Eventi » Social event: Tecnoliquidità. Le sfide della Psicologia nella post-modernità tecnoliquida.

Social event: Tecnoliquidità. Le sfide della Psicologia nella post-modernità tecnoliquida.

La suggestiva cornice dell’Air terminal della stazione Ostiense ospiterà venerdì 14 dicembre 2012 il Social Event “Tecnoliquidità. Le sfide della Psicologia nella post-modernità tecnoliquida”, un convegno che prevede una parte dei lavori con interazioni attraverso i social media.
L’evento che inizierà alle ore 19 con un Happy hour di benvenuto ai partecipanti si protrarrà fino alle 24.00 con interventi di panel qualificati e Twitter conferences sui temi specifici del convegno.
L’appuntamento è presso la sede di Eataly, apprezzato presidio del prodotto enogastronomico italiano di qualità. L’indirizzo è Piazzale XII Ottobre 1492, Roma.
Nei Panel del convegno sono previsti gli interventi di Mario Pollo, docente LUMSA e di Mons. Lorenzo Leuzzi, vescovo responsabile della pastorale Universitaria della Diocesi di Roma.
Le conclusioni dei lavori sono affidate al rettore della LUMSA il prof. Giuseppe Dalla Torre. A seguire è previsto un momento di degustazione. 

La partecipazione al Convegno “Tecnoliquidità” è gratuita previa iscrizione online al sito www.toninocantelmi.it oppure attraverso la segreteria organizzativa: D.ssa Giorgia Vinci  cell: 331.463.44.51 -  @ g.vinci@itci.it

Convegno
Tecnoliquidità -  Le sfide della Psicologia nella post-modernità tecnoliquida
Stiamo assistendo ad un cambiamento radicale e siamo forse di fronte ad un passaggio evolutivo. L'uomo del terzo millennio, in altri termini, sarà diverso: la mente in Internet produrrà eventi e cambiamenti che non potremo ignorare.Tuttavia Internet è solo uno dei tanti cambiamenti indotti dalla rivoluzione digitale, la cui tecnologia non può essere semplicemente interpretata come "strumento", ma è divenuta un ambiente da abitare, una estensione della mente umana.
La “società incessante” è sempre attiva, sempre più incapace di staccare la spina (ITSO ”Inability To Switch Off”, così si chiama la sindrome che affligge i workaholic del III millennio), sempre lì a digitare, a twittare, a condividere, senza differenze tra giorno e notte, tra feriale e festivo, tra casa e ufficio, come se fosse avviata verso una colossale dipendenza dalla “connessione".

 

Locandina con programma

 

Pubblicato il 19/11/12 in : IN EVIDENZA
Corsi di Laurea Master e Post Laurea