Sei in: Home » Eventi » Riflettere sulla lingua latina come paradigma storico dell’italiano

Riflettere sulla lingua latina come paradigma storico dell’italiano

venerdì 29 aprile 2016
ore 9.30 -13.00
LUMSA- Aula Magna
Borgo Sant’Angelo 13, Roma

“Mediterraneo il futuro di una storia: dall’errante Enea all’esodo dei migranti”. Questo il titolo del convegno che si terrà alla LUMSA il 29 aprile, nella giornata intitolata a “La Scuola per la pace”  e dedicata a Santa Caterina da Siena, Patrona d’Italia e d’Europa. Il convegno di studio si inserisce nell’ambito della Cerimonia di Premiazione dei vincitori dei Certamina di poesia latina Vittorio Tantucci e Scevola Mariotti, giunti alla V edizione. L’École Instrument de Paix Italia, organizza questo Convegno, con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, per promuovere una riflessione sulla lingua latina come paradigma storico dell’italiano, attraverso l’approfondimento della lezione dei classici sia nella prospettiva dell’incontro tra culture nel mondo antico, sia nel particolare momento storico attuale.

Interverranno il Rettore Francesco Bonini, la sen. Linda Lanzillotta, Vice presidente del Senato della Repubblica Italiana, l’on. Massimiliano Smeriglio, Vicepresidente Regione Lazio e Assessore Formazione, Ricerca, Scuola, Università, l’on. Milena Santerini, membro della Delegazione parlamentare del Consiglio d’Europa per l’intercultura, Roberto Nicolai, professore di Lingua e letteratura greca (Sapienza Università di Roma), Paolo Conti giornalista del Corriere della sera, Elio Pecora poeta e saggista. L’attore Pino Colizzi leggerà alcuni passi scelti dal II libro dell’Eneide di Virgilio.

A coordinare l’incontro sarà Anna Paola Tantucci, Presidente École Instrument de Paix Italia. I membri della Giuria sono: il Presidente Piergiorgio Parroni, professore emerito di Filologia classica (Sapienza Università di Roma) “Civiltà mediterranea e barbarie nella concezione degli antichi”; Antonio Marchetta, professore di Lingua e Letteratura latina (Sapienza Università di Roma) “Il neafs del mare”; Maria Grazia Bianco, professore di Letteratura cristiana antica e Letteratura latina (Università LUMSA); Elvira Nota saggista e collaboratrice delle Edizioni Belles Lettres.

Pubblicato il 19/04/16 in : IN EVIDENZA
Corsi di Laurea Master e Post Laurea