Sei in: Home » Corsi » Dottorati » Dottorati » Scienze dell'economia civile. Istituzioni, storia, diritto, management, benessere organizzativo nella società globale

Scienze dell'economia civile. Istituzioni, storia, diritto, management, benessere organizzativo nella società globale

Coordinatore: Prof. Luigino Bruni

Settori scientifico-disciplinari: SECS-P/01; IUS/13; IUS/21; IUS/08; SPS/06; SPS/03; M-PSI/06

Obiettivi formativi
Il dottorato interdisciplinare si propone di sviluppare i temi dell’economia civile nei suoi vari ambiti. Il dottorato si articolerà in tre curricula:

  1. Economico-istituzionale. Questo curriculum offre strumenti e metodologie tipiche dell’economia, con un’attenzione alle dimensioni proprie del modello europeo: la piccola-media impresa, l’impresa familiare, il modello cooperativo, l’impresa sociale e civile.
  2. Giuridico-istituzionale. Questo curriculum promuove i filoni di ricerca che attengono alla dimensione giuridica e istituzionale dell’Economia civile. Gli ambiti della ricerca sono i principi regolativi della società civile, la mediazione delle relazioni di lavoro, la cittadinanza, le istituzioni, la governance.
  3. Benessere organizzativo e responsabilità sociale d’impresa. Il terzo curriculum tratta i temi del benessere esperito nelle organizzazioni. Si indirizzerà al mondo del lavoro e delle organizzazioni complesse, con attenzione alle realtà psicologiche e sociali.

Sbocchi occupazionali e professionali previsti
I dottori di ricerca potranno intraprendere una carriera accademica nelle classi di concorso afferenti al dottorato stesso e potranno trovare occupazione nei centri di ricerca pubblici e privati che si interessano alle politiche economiche, sociali e alle regole della governance istituzionale. Inoltre i dottori potranno trovare sbocchi professionali nelle istituzioni (economiche, sociali, politiche e giuridiche, nazionali e internazionali ) che oggi hanno un vitale bisogno di funzionari e dirigenti con una visione di insieme dei problemi e dei fenomeni, abbinata ad una solida competenza tecnica. Infine i dottori di ricerca potranno proporsi come:

  • Responsabili della gestione delle risorse umane e relazioni sindacali;
  • Esperti in progettazione, realizzazione, monitoraggio e valutazione degli interventi di prevenzione e riduzione del disagio organizzativo, inteso nel senso più ampio;
  • Esperti in rilevazione, analisi e intervento sulle disparità di genere e – più in generale – in materia di diversity management;
  • Programmatori e valutatori di politiche pubbliche e sociali - Organizzazioni del terzo settore e di organizzazioni non governative e intergovernative, con particolare attenzione a quelle rivolte alla prevenzione e al contrasto delle violenza di genere, ai temi dell’inclusione, dell’analisi dei nuovi modelli culturali e sociali;
  • Esperti di iniziative legate agli interventi nel sociale.
     
Corsi di Laurea Master e Post Laurea